SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Egitto-Sudan, concluso incontro fra ministri degli Esteri al Cairo su cooperazione energetica e militare
Il Cairo, 09 feb 14:00 - (Agenzia Nova) - I ministri degli Esteri di Egitto e Sudan, rispettivamente Sameh Shoukry e Ibrahim Ghandour, hanno riaffermato nel corso del loro incontro di ieri al Cairo la necessità di rafforzare la cooperazione in campo militare e hanno concordato di tenere il prima possibile una riunione del comitato militare congiunto. I due ministri, si legge in una dichiarazione congiunta rilasciata al termine dell’incontro, hanno inoltre concordato di rafforzare la cooperazione nei campi dell'energia, dell'interconnessione elettrica, dei progetti infrastrutturali e del trasporto aereo, terrestre e marittimo. Quanto al progetto di realizzazione della Grande diga della rinascita etiope (Gerd), le due parti hanno riaffermato l’impegno a rispettare gli accordi firmati, in particolare quello siglato nel 1959 che regola la ripartizione delle quote del fiume Nilo fra Egitto e Sudan, e hanno concordato di lavorare sull'attuazione dei risultati della riunione trilaterale con l'Etiopia del 23 marzo 2015. Nel corso dell’incontro di ieri, cui hanno partecipato anche i capi dell’intelligence dei due paesi, è stato inoltre concordata la necessità di attivare meccanismi e comitati congiunti e di istituire un meccanismo di consultazione tra i ministeri degli Esteri e i servizi d’intelligence al fine di promuovere la solidarietà e la cooperazione tra i due paesi nel quadro della relazione strategica che li lega.

L’organismo sarà incaricato di trattare tutti i fascicoli e le questioni relative alle loro relazioni bilaterali nei vari campi. La riunione di ieri giunge dopo l’incontro fra i presidenti Abdel Fatah al Sisi e Omar al Bashir, che si è tenuto la scorsa settimana a margine del vertice Ua di Addis Abeba. Sempre a margine del summit Ua, Al Sisi, Bashir e il premier etiope Hailemariam Desalegn hanno fissato un termine di un mese per avviare la ripresa dei colloqui sulla diga Gerd. Nel corso dell’incontro i tre leader hanno inoltre incaricato i rispettivi ministri dell’Energia e delle risorse idriche di redigere entro 30 giorni una relazione incaricata di risolvere tutte le questioni in sospeso riguardanti il progetto e hanno concordato l’intenzione di tenere riunioni tripartite a livello di capi di Stato con cadenza annuale e di creare un fondo con l'obiettivo di costruire infrastrutture congiunte fra i tre paesi. (Cae)
ARTICOLI CORRELATI