SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Siria, telefonata tra Lavrov e Tillerson su guerra allo Stato islamico (3)
Mosca, 18 set 2017 16:00 - (Agenzia Nova) - Il ministero degli Esteri russo ha reso noto che il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, ha telefonato all'omologo di Mosca Sergej Lavrov, per discutere della situazione in Siria e degli sviluppi della guerra al terrorismo. La telefonata è avvenuta dopo che ieri miliziani delle Forze democratiche siriane (gruppo armato curdo-arabo sostenuto dagli Usa) hanno riferito di essere stati colpiti da caccia russi e siriani nella provincia di Deir ez-Zor. Ahmed Abu Khawla, ufficiale delle Sdf, aveva riferito alla stampa internazionale che sei combattenti del suo gruppo, erano rimasti feriti nel bombardamento a est del fiume Eufrate. La notizia era stata subito smentita da Mosca. "Non è possibile - ha detto il portavoce delle forze armate russe Igor Konashenkov -. Perché avremmo dovuto bombardarli?".

Le Sdf sono arrivate nell'area di Deir ez-Zor negli ultimi giorni, provenienti da Raqqa, e stanno conducendo un'offensiva "parallela" rispetto a quella dell'esercito siriano. Secondo alcuni analisti, tra le Forze democratiche siriane e l'esercito governativo (sostenuto dalla Russia e dall'Iran) vi sarebbe stato un accordo in chiave anti-Is che prevedeva il ritiro dei curdi dalla parte meridionale di Deir ez-Zor per dirigersi verso est. In cambio, le truppe di Damasco avrebbero aspettato che le Sdf lasciassero la zona prima di oltrepassare l’Eufrate e posizionarsi sula sponda orientale. In base alle informazioni di Khawla, tuttavia, qualcosa non avrebbe funzionato.

Lo scorso 5 settembre, le forze governative siriane hanno rotto l'assedio imposto dallo Stato islamico sulla città di Deir ez-Zor. Le forze del 137mo battaglione dell'esercito siriano hanno raggiunto Deir ez-Zor dal fronte occidentale. I media di Damasco avevano riferito in precedenza che le forze di Bashar al Assad erano a soli tre chilometri dalla città, sotto assedio dal 2014. Le forze aerospaziali russe stanno dando copertura all'offensiva delle truppe governative siriane nella provincia. Il ministero della Difesa russo aveva riferito il 4 settembre in una nota che nell'est della Siria l'esercito, sotto il comando del generale Hassan Suhel, stava avanzando verso Deir ez-Zor. La sconfitta dello Stato islamico a Deir ez-Zor - sottolinea il comunicato del ministero della Difesa russo - e la liberazione della città diventerà la sconfitta strategica del gruppo terroristico nella Repubblica araba siriana". (Rum)
ARTICOLI CORRELATI