IMMIGRAZIONE
Mostra l'articolo per intero...
 
Immigrazione: premier polacco Morawiecki, "giusta" decisione di non accettare rifugiati da Nord Africa e Medio Oriente (5)
Varsavia, 02 gen 16:34 - (Agenzia Nova) - Nel corso del procedimento dinanzi alla Corte, ricordava la nota, la Polonia è intervenuta a sostegno della Slovacchia e dell'Ungheria, mentre Belgio, Germania, Grecia, Francia, Italia, Lussemburgo, Svezia e Commissione Ue sono intervenuti a sostegno del Consiglio. Con la sentenza del 6 settembre, la Corte respingeva integralmente i ricorsi proposti dalla Slovacchia e dall'Ungheria. In primo luogo, la Corte ribatteva l'argomento secondo cui la procedura legislativa avrebbe dovuto essere applicata poiché l'articolo 78 (paragrafo 3) del Trattato sul funzionamento dell'Ue, prevede la consultazione del Parlamento europeo quando viene adottata una misura fondata su questa disposizione. La Corte ha rilevato che la procedura legislativa può essere applicata soltanto se una disposizione dei Trattati fa ad essa espresso riferimento, mentre l'articolo in questione "non contiene alcun espresso riferimento alla procedura legislativa, cosicché la decisione impugnata ha potuto essere stata adottata nel quadro di una procedura non legislativa e costituisce" quindi "un atto non legislativo". Al tempo stesso, la Corte ha dichiarato che l'articolo 78 (paragrafo 3) del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, consente alle istituzioni dell'Unione di adottare tutte le misure temporanee necessarie a rispondere in modo effettivo e rapido a una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di migranti. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI