FINESTRA SUL MONDO
 
Finestra sul mondo: Regno Unito, May annuncerà un taglio netto con l'Ue
Londra, 17 gen 11:20 - (Agenzia Nova) - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il "Financial Times", metterà alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncerà un taglio netto con l'Unione Europea, dichiarando di non volere un accordo che lasci il paese "metà dentro e metà fuori". Le sue parole confermeranno probabilmente l'ipotesi dell'uscita dal mercato unico, ovvero della cosiddetta Brexit "dura", con uno spiraglio aperto a una parziale adesione all'unione doganale. Tuttavia, la leader di Downing Street, rivolgendosi a una platea di diplomatici, sceglierà un tono conciliante sottolineando la necessità di "una partnership positiva e costruttiva" con l'Ue. Il governo, infatti, è preoccupato che il negoziato con Bruxelles, che inizierà quest'anno, possa trasformarsi subito in un'aspra disputa sulle passività britanniche nel bilancio comunitario, stimate tra 40 e 60 miliardi di euro. Diversamente dal presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha mostrato indifferenza per la prospettiva di una disintegrazione dell'Ue, May ritiene che un'Unione forte sia nell'interesse nazionale: "Puntiamo a una nuova e paritaria partnership tra una Gran Bretagna indipendente, autogovernata e globale e i nostri amici e alleati nell'Ue", dirà oggi a Londra, nella sede di Lancaster House. "Ma non puntiamo a un'appartenenza parziale all'Ue, a un'appartenenza associata o a qualcosa che ci lasci metà dentro e metà fuori. Non puntiamo ad adottare un modello già sperimentato da altri paesi. Non puntiamo a mantenere pezzi di appartenenza uscendo". May confermerà di voler recuperare il controllo delle frontiere; il ministero dell'Interno sta lavorando a un piano che prevede permessi di lavoro e controlli automatizzati di sicurezza per i cittadini comunitari. I limiti alla libertà di circolazione delle persone sono incompatibili con la permanenza nel mercato unico. Sarà più sfumato probabilmente l'approccio riguardo all'unione doganale; è ipotizzabile, inoltre, una "fase di implementazione" per dare alle imprese e alla City la possibilità di adattarsi alle nuove regole. May assicurerà che il Regno Unito resterà aperto e globale, "un paese sicuro, prospero e tollerante". Un suo portavoce, infine, dopo le dichiarazioni del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, in materia di fiscalità, ha precisato che l'esecutivo intende "rimanere nel solco di un sistema fiscale europeo riconoscibile". (Sit)
ARTICOLI CORRELATI