IMMIGRAZIONE
Mostra l'articolo per intero...
 
Immigrazione: tensione tra i migranti in Grecia, Atene e Ankara impreparati in vista dell’avvio dei primi rimpatri
Atene, 01 apr 2016 18:00 - (Agenzia Nova) - Sta salendo la tensione in Grecia con l’avvicinarsi di lunedì, giornata che segnerà l’avvio dei primi rimpatri verso la Turchia dopo l’accordo tra Ankara e l'Unione europea per la gestione dei flussi dei migranti. Le ultime 48 ore sono state segnate da numerosi scontri nei campi provvisori allestiti a Idomeni, al confine greco-macedone, al porto del Pireo e nelle isole del Mar Egeo. Particolarmente preoccupante è la situazione a Chio dove oggi centinaia di migranti e rifugiati hanno buttato giù una parte della recinzione in filo spinato che circonda il centro di accoglienza e hanno camminato fino al porto in segno di protesta. L’intesa siglata dall'Unione europea con la Turchia, prevede che i migranti e i rifugiati arrivati nel territorio greco dopo il 20 marzo debbano rimanere nei centri allestiti sulle cinque isole del Mar Egeo, tra cui Chio, e rimandati indietro se le loro richieste di asilo non saranno accettate. I ritorni dovrebbero iniziare lunedì 4 aprile, anche se né la Grecia né la Turchia sembrano completamente pronte a gestire le operazioni. Rimane dunque l’incertezza su quanti saranno i migranti da rimandare in Turchia e su come verranno gestiti. Preoccupazione espressa anche dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite (Unhcr) in occasione della conferenza organizzata a Ginevra. (segue) (Gra)
ARTICOLI CORRELATI