SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: analisi, Egitto lasciato da solo a combattere contro il terrorismo islamico
Tel Aviv, 23 feb 2015 15:15 - (Agenzia Nova) - Un recente editoriale del quotidiano egiziano “al Ahram” contiene una velata accusa a Stati Uniti, Qatar e Turchia, che sosterrebbero i Fratelli musulmani e le organizzazioni terroristiche affiliate. Anche paesi europei come il Regno Unito e la Germania sono responsabili, secondo il quotidiano, di aver consentito ai Fratelli musulmani di operare liberamente. L'editoriale di "al Ahram", scrive il quotidiano israeliano "Jerusalem Post", non deve essere interpretato alla stregua di un attacco, ma di un campanello d'allarme per l'Occidente, che ha sinora ignorato la mortale minaccia che il terrorismo islamico costituisce per l'Egitto, in particolare nel Sinai, e per la Libia. Quando gli aerei egiziani hanno colpito Tripoli dopo il massacro di 21 egiziani copti, la scorsa settimana, Il Cairo non ha compiuto una rappresaglia, scrive il quotidiano israeliano, ma "ha inviato un promemoria all'Occidente, minacciato dal terrorismo islamico, e in particolare un avviso per l’Europa, distante appena cento miglia dalla costa libica". Se non sarà fatto nulla per fermare l’avanzata delle milizie islamiste, la Libia si trasformerà in una base dello Stato e l'Europa si troverà di fronte a un flusso senza fine di rifugiati che minaccerà l’economia e la stabilità dell'intera regione. Eppure, scrive il quotidiano israeliano, l'Occidente non ha riservato ai recenti raid aerei egiziani lo stesso sostegno e supporto concesso invece alla Giordania, che recentemente ha adottato misure simili in risposta alla barbarica uccisione di un suo pilota da parte dello Stato islamico. (Res)
ARTICOLI CORRELATI