SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Pinotti a Castellamare, cantieri sono "patrimonio che non poteva essere perso"
Castellamare di Stabia, 10 apr 16:15 - (Agenzia Nova) - Oggi è una giornata molto felice: c’è stato un momento difficile nel quale si credeva che potessero essere chiusi cantieri come quello di Castellamare, ma grazie a una “battaglia corale dei lavoratori e della politica” è emerso come “un patrimonio di questo tipo non poteva essere perso”. È quanto affermato dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti, oggi a margine della cerimonia del varo del troncone di prua della nuova Logistic Support Ship (Unità Lss) della Marina militare italiana in corso a Castellamare. La Pinotti ha definito Castellamare, “una città gloriosa con una grande storia, ma anche un grande presente e lo conferma il fatto che tutti i tempi di lavoro vengono rispettati”. Il ministro ha inoltre ricordato che era “dal 1971 che non usciva una nave militare da questo cantiere e ora se ne costruirà un’altra, l’Lhd”, sottolineando che “il messaggio” che si vuole mandare è che “in Italia non possiamo perdere queste capacità”. Il governo, ha ricordato la Pinotti, “è intervenuta in un momento di difficoltà facendo investimenti importanti nella Marina come i 5 miliardi e 600 milioni della Legge navale”. “Con l’intelligenza dimostrata da Fincantieri in questi anni, riuscendo a mantenere una grandissima capacità tecnologica e costruttiva noi saremo sempre a supporto del lavoro che qui dovrà continuare”, ha concluso il ministro. (Res)
ARTICOLI CORRELATI