MONTENEGRO
Mostra l'articolo per intero...
 
Montenegro: dopo accuse di terrorismo, i rappresentanti dell'opposizione indagati anche per altri reati
Podgorica, 24 set 10:00 - (Agenzia Nova) - Parallelamente al processo per terrorismo celebrato davanti alla Corte superiore di Podgorica, sono attualmente in corso in Montenegro altre indagini che riguardano i rappresentanti dell'opposizione. Lo riferisce questa settimana l'emittente "Radio Slobodna Evropa", versione balcanica della testata Usa "Radio Free Europe". Secondo la testata, le indagini in corso riguardano in particolare accuse di riciclaggio che interessano Nebojsa Medojevic, funzionario del Movimento per i cambiamenti (Pzp) che partecipa al lavoro del Fronte democratico, schieramento leader dell'opposizione. Medojevic è accusato dalla Procura speciale di riciclaggio, ma anche di associazione per delinquere. Nei giorni scorsi, la procura ha convocato Iva Pavlovic, ex attivista di Pzp e ha ordinato l'arresto dell'attivista del Fronte democratico Luka Radunovic, figlio del deputato Slaven Radunovic. La procura inoltre arrestato e in seguito rilasciato gli attivisti Petar Draskovic e Vladislav Bulatovic. Secondo quanto affermato dalla Pavlovic ai giornalisti, "la mia unica colpa è quella di avere lavorato per Pzp, un partito onorevole che ha versato tutti i miei stipendi tramite la banca, per cui non c'è nulla da nascondere". (segue) (Mop)
ARTICOLI CORRELATI