BREXIT
 
Brexit: stampa britannica, per ex sindaco di Londra Johnson è una "vittoria di Pirro"
Londra, 25 giu 2016 11:37 - (Agenzia Nova) - Se vinciamo un'altra battaglia come questa saremo rovinati: il quotidiano progressista britannico "The Guardian" inizia così, con la frase che secondo lo storico Plutarco avrebbe pronunciato Pirro re dell'Epiro al termine di una battaglia vinta contro i Romani, un'analisi del sorprendente discorso pronunciato dal campione della "Brexit" Boris Johnson subito dopo la diffusione dei risultati del referendum di giovedì 23 giugno. In teoria infatti, scrive il commentatore Gaby Hinsliff, l'ex sindaco di Londra avrebbe dovuto apparire come il raggiante trionfatore di una doppia battaglia: quella per la vittoria del "Leave" e quella per la leadership del Partito conservatore e di conseguenza sostituire il premier David Cameron. E invece, per la sorpresa di amici ed avversari, il tono del suo discorso è stato dimesso ed il contenuto quasi rinunciatario: Johnson è arrivato a dire che "non c'è ragione di precipitarsi ad invocare l'articolo 50" del trattato costitutivo dell'Unione europea, che imporrebbe un calendario massimo di due anni per l'effettiva uscita del Regno Unito. Il pensiero che più spaventa, secondo il "Guardian", è che la sua scelta pro-Brexit fosse solo tattica: anche lui, come l'intera elite politica del paese, forse era convinto che alla fine avrebbe vinto il "Remain", che le cose sarebbero rimaste più o meno com'erano e che lui stesso avrebbe potuto poi giocare confortevolmente la carta di leader degli euroscettici per scalzare Cameron dal N°10 di Downing Street tra un paio di anni. Insomma, secondo il commentatore Gaby Hinsliff, Boris Johnson è apparso frastornato, sovrastato dalla svolta inattesa che hanno preso gli eventi da lui stesso avviati: un re che proprio non può permettersi di raccogliere un'altra vittoria come questa.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI