SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Aramco e Adnoc stoccano a maggio 110 milioni di barili di greggio in Giappone
Riad, 19 lug 14:00 - (Agenzia Nova) - A maggio, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno stoccato in Giappone 110 milioni di barili di petrolio, cifra sostanzialmente invariata rispetto al mese precedente. Il governo giapponese fornisce gratuitamente la possibilità di stoccaggio di greggio alla Saudi Aramco, di proprietà statale, e alla Abu Dhabi National Oil Co (Adnoc). Ciascuna delle due aziende del Golfo sono autorizzate da Tokyo a stoccare fino a circa 6,3 milioni di barili. Di recente l'Arabia Saudita ha incrementato la sua quota di mercato in Giappone, il più grande mercato asiatico per Aramco, vendendo più greggio leggero al paese per compensare i tagli alla produzione frutto dell’accordo sottoscritto a Vienna nel dicembre 2016 tra l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) e i principali produttori al di fuori del Cartello.

Il Giappone è quarto importatore di petrolio al mondo. Tra gennaio e giugno 2017, Tokyo ha importato dall’Arabia Saudita una media di 1,3 milioni di barili al giorno, il 7,7 per cento in più rispetto al 2016. L'aumento ha riguardato soprattutto l’Arab Extra Light Oil. La spesa del Giappone per l’importazione di petrolio fino a maggio 2017 è salita del 73 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente a 33,64 miliardi di dollari. L’aumento delle importazioni saudite ha ridotto la quota di mercato di altri paesi produttori della regione del Golfo, in particolare dell’Iran che ha visto un calo delle esportazioni verso il Giappone del 20 per cento. Anche Kuwait ed Emirati Arabi Uniti hanno registrato un calo delle esportazioni verso il paese asiatico, rispettivamente dell’8 per cento e del 5 per cento. (Res)
ARTICOLI CORRELATI