IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: vicepresidente Al Maliki a nuovo ambasciatore turco, "rifiutiamo ingerenze esterne" (3)
Baghdad, 15 mar 18:38 - (Agenzia Nova) - L’ambasciatore turco Yildiz, aveva detto invece ieri al ministro degli Esteri iracheno, Ibrahim al Jaafari, che Ankara è pronta a ritirare le sue truppe dal nord dell’Iraq e a interrompere i raid contro il Pkk nel paese mediorientale. I due hanno discusso dei rapporti bilaterali e della lotta al terrorismo, oltre che della presenza turca in Iraq. Yildiz ha aggiunto che le forze turche non resteranno “per sempre” in Iraq e che l’obiettivo della presenza turca in territorio iracheno è garantire “la sicurezza e l’integrità” del paese. Il premier iracheno e quello turco avevano raggiunto un accordo il 7 gennaio scorso sul futuro delle truppe turche presenti nella base militare di Bashiqa, a nord di Mosul. Nel corso di una conferenza stampa congiunta, tenuta durante la visita del capo del governo di Ankara in Iraq, Abadi aveva spiegato che, in base all'accordo, la Turchia si impegnava a rispettare la sovranità irachena e "a non interferire negli affari interni degli altri paesi”. L’accordo prevedeva il ritiro delle truppe turche una volta che l'esercito iracheno e le milizie curde Peshmerga avessero preso il controllo della zona di Sinjar, dove attualmente sono presenti i militanti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan turco (Pkk), considerati terroristi da Ankara. (Irb)
ARTICOLI CORRELATI