LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: portavoce operazione militare Sirte, "possibili nuovi raid Usa su nostra indicazione" (2)
Il Cairo, 02 ago 2016 16:32 - (Agenzia Nova) - Hadyah ha definito "improbabile" un'eventuale coordinamento con l'Egitto. "I nostri legami con il Cairo - ha detto - sono tesi dopo gli attacchi aerei contro Fajr Libya (Alba della Libia, la coalizione delle milizie di Misurata) nell'agosto del 2014". Hadyah ha espresso scetticismo in merito alle prospettive di collaborazione con il generale Khalifa Haftar, comandante dell'autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) attivo in Cirenaica, sostenuto proprio dal Cairo, per unire le forze armate libiche sotto un unico comando. "Le forze di Haftar mirano a conseguire guadagni personali e a prendere il controllo del potere attraverso la forza: questo è inaccettabile per noi". Lo stesso portavoce ha riferito sempre ad "Agenzia Nova" che è salito a 364 il numero dei caduti dell'operazione militare libica lanciata l'11 maggio scorso per liberare la città di Sirte. La pagina ufficiale di "Al Bunian al Marsus", intanto, ha riferito che l'ospedale di Misurata ha ricevuto i corpi di cinque combattenti uccisi ieri negli scontri con l'Is a Sirte subito dopo i raid aerei statunitensi. (segue) (Cae)
ARTICOLI CORRELATI