EGITTO
Mostra l'articolo per intero...
 
Egitto: campagna contro proposta di legge per riforma radicale del centro islamico di Al Azhar
Il Cairo, 04 mag 10:15 - (Agenzia Nova) - Circa cento deputati egiziani hanno aderito ad una campagna contro il disegno di legge che intende modificare le norme che regolano il prestigioso centro islamico sunnita di Al Azhar. La campagna, denominata “la linea rossa di Al Azhar”, si oppone alla proposta di legge presentata lo scorso 26 aprile dal deputato indipendente egiziano Mohamed Abu Hamed. Finora sono circa un centinaio su un totale di 596 i deputati che hanno firmato la petizione. L’obiettivo è ottenere l’adesione di 450 deputati, secondo quanto riferito dai proponenti. Il disegno di legge ha suscitato numerose polemiche in Egitto perché introdurrebbe cambiamenti radicali nella nomina dei membri dell’Alto consiglio degli studiosi di Al Azhar, responsabile della nomina del grande imam e del gran muftì d’Egitto; quest’ultimo ha l’ultima parola sulle condanne a morte nel paese arabo. Secondo Abu Hamed, membro dell'ufficio politico del blocco parlamentare "Da'am Misr" (Sostegno dell’Egitto), la proposta di legge “non ha difetti costituzionali e garantisce la piena indipendenza di al Azhar”. Il grande imam Ahmed el Tayyeb, finora, si è rifiutato di attuare alcune disposizioni volute dal presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi, come l’eliminazione del “divorzio verbale” che garantisce ai mariti musulmani la prerogativa di “ripudiare” la moglie. Secondo le statistiche ufficiali, vi è un divorzio ogni quattro minuti in Egitto, che con i suoi 90 milioni di abitanti è il paese arabo più popoloso al mondo. (segue) (Cae)
ARTICOLI CORRELATI