USA
Mostra l'articolo per intero...
 
Usa: il segretario di Stato Tillerson annuncia una svolta nella politica estera
New York, 04 mag 10:18 - (Agenzia Nova) - Gli Stati Uniti sono stati sino ad oggi assai troppo accomodanti nei confronti dei loro alleati e dei paesi emergenti, e ciò ha creato "uno squilibrio". Lo ha dichiarato ieri il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, nel corso di un intervento di fronte ai dipendenti del suo ministero, durante il quale ha illustrato per la prima volta la sua visione della politica estera degli Usa. "Promuovevamo le relazioni e l'attività economica, il commercio con una moltitudine di queste economie emergenti, e abbiamo perso di vista quel che stavamo davvero facendo", ha detto Tillerson. "Il risultato è che abbiamo finito per creare una sorta di squilibrio". Gli Stati Uniti, ha annunciato il segretario, d'ora in poi porranno la sicurezza nazionale e i loro interessi economici in cima alla lista delle priorità della politica estera, anziché modulare le relazioni con gli altri paesi sulla base di considerazioni legate alla democrazia e ai diritti umani. "Dobbiamo davvero comprendere, per ogni paese e ogni regione del mondo con cui abbiamo a che fare, quali siano i nostri interessi di sicurezza, quali siano gli interessi legati alla nostra prosperità economica, e solo successivamente promuovere e avanzare i nostri valori, una volta posti nella condizione di poterlo fare". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI