IRAQ
 
Iraq: fonti locali, 2.650 morti rinvenuti finora a Mosul
Baghdad, 12 set 11:24 - (Agenzia Nova) - Funzionari della Sanità della provincia di Ninive hanno riportato che centinaia di corpi sono stati rinvenuti a Mosul, a due mesi dalla sua liberazione. “Le strutture mediche locali ospitano circa 2.650 cadaveri” ha dichiarato all’agenzia di stampa turca “Anadolu” Laith Hababah, il capo del dipartimento sanitario di Ninive. Dopo la liberazione a luglio da parte delle forze armate irachene, con il sostegno della coalizione aerea a guida statunitense della città considerata la roccaforte in Iraq dello stato islamico, è cominciata la conta delle vittime civili. La maggior parte dei corpi sono stati rinvenuti nella parte orientale della città, sotto le rovine dei palazzi distrutti nel distretto della città vecchia di Mosul. L’agenzia turca “Anadolu” aggiunge come sia ancora prematuro fornire un numero ufficiale dei civili rimasti uccisi durante i combattimenti. Un numero destinato ad aumentare nei prossimi giorni. La città di Mosul è stata liberata completamente a luglio scorso dall'occupazione dello Stato islamico durata più di tre anni.
(Irb)
ARTICOLI CORRELATI