SERBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Serbia: agenzie nazionali "Beta" e "Fonet" protestano contro "discriminazione" verso mezzi d'informazione
Belgrado, 21 ago 18:46 - (Agenzia Nova) - Le agenzie di stampa serbe "Beta" e "Fonet" hanno pubblicato un comunicato di protesta contro la "decisione discriminatoria" di alcune autorità politiche di rilasciare dichiarazioni solo all'agenzia di stato "Tanjug". La nota fa riferimento al ministro degli Esteri della Serbia, Ivica Dacic, che ha deciso di "rilasciare dichiarazioni su una questione di straordinaria importanza circa la posizione internazionale e la sicurezza del paese, come è il ritiro del personale dell'ambasciata di Serbia a Skopje, solo a 'Tanjug', il cui lavoro, per decisione del governo, è cessato già oltre un anno e mezzo fa". In questo modo, prosegue la nota, si distrugge in modo drastico la parità dei diritti dei partecipanti al mercato mediatico, e si conferisce un marcato vantaggio ad un'agenzia il cui status doveva essere risolto molto tempo fa in linea con la legge. "Con ciò sono colpite le altre agenzie di stampa che lavorano legalmente nel mercato nazionale, come pure i loro utenti nel paese e nella regione. Sarebbe molto negativo se si dovesse riscontrare che tale approccio si trasforma in prassi. Questo significherebbe la distruzione della libertà di espressione e dei mezzi d'informazione, e la Serbia otterrebbe nuovamente dei media che sono 'incaricati di pubblicare' la posizione di qualche organo di potere pubblico", si legge nella nota. (segue) (Seb)
ARTICOLI CORRELATI