MEDIO ORIENTE
 
Medio Oriente: situazione tranquilla nel camo profughi di Al Amari dopo proteste seguaci di Dahlan espulsi da Fatah
Ramallah, 26 ott 2016 09:28 - (Agenzia Nova) - Si registra un clima di calma relativa nel campo profughi di al Amari, fuori Ramallah, in Cisgiordania, dopo le proteste di ieri sfociate in scontri con la polizia dell’Autorità nazionale palestinese. Le proteste sono state provocate da un gruppo di dirigenti del partito Fatah espulsi dall’organizzazione con l’accusa di avere legami con Mohammed Dahlan, l’ex capo del partito a Gaza tacciato di tradimento e di corruzione ed espulso due anni fa dopo uno scontro con il presidente Mahmoud Abbas. Il timore ieri era che le proteste potessero sfociare in uno scontro armato. La polizia palestinese ha infatti usato i gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti che si sono ritirati all’interno del campo profughi. All’interno del campo c'erano tensioni dopo che Abbas ha deciso di espellere dal partito un deputato di Fatah, Jihad Tamliah, accusato di legami con Dahlan.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI