SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Nagorno-Karabakh: ministero Difesa azero, colpite postazioni militari armene per prevenire nuovi atti di sabotaggio
Baku, 10 lug 15:30 - (Agenzia Nova) - Le unità militari armene erano nuovamente pronte a mettere in atto una nuova attività di sabotaggio contro l’Azerbaigian. È quanto riferisce il ministero della Difesa azero, secondo cui per prevenire queste attività le forze armate di stanza nei pressi della linea di contatto nel Nagorno-Karabakh (l’area contesa con l’Armenia) avrebbero colpito delle postazioni militari armene per impedire questo nuovo atto di provocazione e vendicare la morte dei civili uccisi lo scorso 4 luglio nel villaggio di Alkhanli, situato nel distretto azero di Fuzuli. Il ministero della Difesa ha riferito che, a seguito degli attacchi, una parte importante della unità militari armene è stata neutralizzata e molte unità di equipaggiamento militare sono state totalmente disabilitate. "Sulla base delle informazioni iniziali, come risultato delle attività svolte dalle nostre unità in direzione di Fuzuli-Khojavend, la maggioranza del personale nemico coinvolto nella zona del battaglione è stata uccisa, alcuni veicoli militari e delle infrastrutture sono stati distrutti", ha riferito il ministero.

"Le unità delle forze armate dell'Azerbaigian sono state portate in stato di allerta per prevenire immediatamente qualsiasi attività ostile nemica contro la popolazione civile e il personale militare”, aggiunge la nota del ministero, secondo la cui attualmente la situazione è pienamente sotto il controllo delle forze armate azerbaigiane. Il ministero della Difesa della Repubblica dell'Azerbaigian ha riferito che il 4 luglio alle ore 20:40 le forze armate dell'Armenia hanno colpito il villaggio di Alkhanli del distretto Fizuli usando mortai da 82 e 120 mm e lanciagranate pesanti. Come risultato di questa provocazione dell'Armenia, sono stati uccisi i residenti del villaggio Guliyeva Sakhiba Idris gizi (nata nel 1967) e Guliyeva Zakhra Elnur gizi (nata nel 2015). Guliyeva Servinaz Iltifat gizi (nata nel 1965), che ha subito ferite frammentate a causa delle bombe, è stata portata all'ospedale militare e operata. Commentando quanto accaduto, Hikmat Hajiyev, portavoce del Ministero degli Affari Esteri dell'Azerbaigian, ha evidenziato come a seguito di queste provocazioni delle forze armate dell'Armenia, l'uccisione di una donna anziana e di sua nipote di 2 anni, il ferimento di un'altra civile e il danneggiamento di oggetti civili, altro non sono che un atto di vandalismo e dimostrano ancora una volta la natura terroristica dell’Armenia. (Res)
ARTICOLI CORRELATI