SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: dal governo sudsudanese via libera a rientro milizie ribelli a Giuba, ma continua a slittare l'arrivo di Machar
Giuba, 22 apr 2016 15:00 - (Agenzia Nova) - Dopo un tira e molla con il governo durato diversi giorni, non ha ancora trovato soluzione la questione legata al rientro a Giuba del leader dei ribelli sud sudanesi Riek Machar. Quest’ultimo, infatti, dopo aver rinviato “a data da destinarsi” il suo ritorno atteso in un primo momento già all’inizio di questa settimana, si trova al momento ancora in Etiopia (dove è in esilio dall’inizio del conflitto, nel 2013) e non ha ancora fatto sapere quando avverrà l’atteso rientro in patria che, almeno nelle intenzioni dei negoziatori della comunità internazionale, dovrebbe dare il là alla formazione di un nuovo governo di unità nazionale. Eppure un importante segnale di apertura è giunto l'altro ieri da parte del governo di Giuba, che per voce del ministro degli Esteri Peter Bashir Gbandi ha fatto sapere di aver autorizzato l’ingresso a Giuba di ulteriori 195 uomini dell'opposizione armata, richiesta che era stata avanzata dall’entourage dello stesso Machar come garanzia per il suo rientro in Sud Sudan, insieme a quella di portare con sé un arsenale composto da armi anticarro, missili a guida laser e mitragliatrici pesanti, e che aveva determinato una brusca interruzione nelle trattative fra governo e ribelli. (Res)
ARTICOLI CORRELATI