SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: attivisti, 27 morti in nuovo raid del regime su Aleppo (2)
Roma, 19 nov 2016 15:55 - (Agenzia Nova) - Circa 250 mila civili assediati nei quartieri orientali di Aleppo, in Siria, hanno terminato gli aiuti e nessuna delle parti in conflitto ha concordato finora un passaggio sicuro per l’ingresso dei soccorsi. Lo afferma un alto funzionario umanitario delle Nazioni Unite, citato dal sito web dell’emittente televisiva satellitare “al Arabiya”. Gli attacchi aerei contro i ribelli assediati nella parte est della città più grande della Siria hanno ucciso decine di persone questa settimana. I bombardamenti sono ripresi martedì scorso, 15 novembre, dopo una pausa di quattro settimane. I gruppi di monitoraggio hanno registrato un’escalation militare da parte del governo siriano e dei suoi alleati, compresa la Russia, contro gli insorti. Altri raid hanno colpito ieri un ospedale nella zona est di Aleppo: si tratterebbe della quarta struttura sanitaria messa fuori servizio in quattro giorni, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti. Le Nazioni Unite hanno proposto un piano per la messa in sicurezza dei malati e dei feriti e l’ingresso di aiuti umanitari, operatori sanitari, forniture mediche e prodotti alimentari. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI