SPECIALE ENERGIA

 
 

Speciale energia: presidente Crimea Akjonov, improbabile risarcimento da Kiev per danni del blocco

Mosca, 23 nov 2016 14:15 - (Agenzia Nova) - Sarà molto difficile per la Crimea ottenere un risarcimento dalle autorità ucraine per i danni causati dal recente blocco energetico nei confronti della penisola. Lo ha dichiarato alla stampa locale il presidente della Repubblica di Crimea, Sergei Aksjonov. "Non crediamo assolutamente ad un possibile rimborso dei danni da parte dell'attuale governo ucraino. Sono sicuro che molto presto cadrà, dal momento che non sta operando per assicurare il bene della collettività", ha affermato Aksjonov. "L'ufficio legale, in collaborazione con la procura, sta valutando l’entità dei danni. Non sono al corrente dell’esito delle loro stime", ha aggiunto il presidente. Il 22 novembre dello scorso anno la penisola di Crimea venne colpita da un black-out totale, a seguito di una serie di sabotaggi sul territorio ucraino che portarono alla distruzione di numerosi tralicci delle linee elettriche ad alta tensione. Il risultato fu l'interruzione totale dell'intero flusso di energia elettrica verso la penisola, che portò il governo a proclamare lo stato di emergenza. La situazione cominciò a stabilizzarsi soltanto il 2 dicembre 2015, quando la fornitura di energia elettrica alla penisola venne in parte ripristinata dal territorio del Krasnodar, in Russia, attraverso lo stretto di Kerch. (Rum)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE