LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: Reporters senza frontiere (Rsf) condanna attacco contro sede tv “al Naba”
Roma, 31 mar 2016 16:31 - (Agenzia Nova) - Reporters senza frontiere (Rsf) condanna l’attacco armato contro la sede dell’emittente televisiva “al Naba” a Tripoli, nota per il suo sostegno al governo non riconosciuto di Khalifa Ghweil, avvenuto ieri poche ore dopo lo sbarco in territorio libico del Consiglio di presidenza dell’esecutivo di unità nazionale guidato dal primo ministro Feyez al Sarraj. L’organizzazione non governativa in difesa della libertà di stampa chiede alle nuove autorità libiche di garantire il diritto all'informazione e di proteggere chi lo esercita. Rsf afferma che la credibilità del Consiglio presidenziale sostenuto dalle Nazioni Unite “è stata subito minata” dal raid contro gli studi televisivi. “Non ci può essere alcuna giustificazione per un attacco di questo tipo. E’ un inizio davvero poco incoraggiante per il nuovo governo", ha detto Yasmine Kacha, responsabile di Reporters senza frontiere per il Nord Africa. "La pace non verrà ripristinata se l'attività dei media non sarà protetta. Esortiamo al Sarraj a prendere rapide e concrete misure per combattere l'impunità di cui godono coloro che hanno preso di mira i media e i giornalisti negli ultimi mesi", ha aggiunto la Kacha. Una milizia armata ha imposto ieri sera la chiusura dell’emittente televisiva “al Naba” di Tripoli. (segue) (Res)
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..