SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: Cgil-Cil-Uil, comunità internazionale fermi deriva militare, lunedì mobilitazione a Roma (2)
 
 
Roma, 12 ott 11:38 - (Agenzia Nova) - "Tutto questo si inserisce in un quadro già fortemente instabile dell'area - continuano i sindacalisti - In tutto questo il silenzio dell'Europa, che fino ad oggi ha stretto un accordo con la Turchia, chiudendo un occhio sulla più che discutibile guida politica del Presidente Erdogan, in totale contrapposizione con i principi di difesa dei diritti umani cui tutti i valori europei sono ispirati, pagando 6 miliardi di euro per il mantenimento dei campi profughi degli esuli siriani. L'Europa tace anche di fronte alla minaccia di inviare i profughi verso l'Europa. Cgil, Cisl e Uil esprimono la preoccupazione dei lavoratori italiani di fronte all'aggravamento della crisi che già determina ulteriori perdite di vite umane e potrebbe destabilizzare completamente gli equilibri politici internazionali. Fanno appello alla Comunità internazionale perché si fermi immediatamente la deriva militare e si apra una conferenza che affidi alla diplomazia la soluzione di tutti i problemi tuttora aperti nella regione. Ccil, Cisl e Uil, anche in linea con le posizioni espresse dalla Ces nella lettera inviata ai vertici delle Istituzioni europee, fanno appello al Governo italiano perché si attivi per una iniziativa della Unione Europea che riveda gli accordi con la Turchia e si faccia garante per la ricerca di una soluzione pacifica con l'apertura immediata di una piattaforma multilaterale in sede Onu che garantisca innanzitutto la pace e la tutela dei diritti umani". Per questo Cgil Cisl e Uil lanciano una mobilitazione per lunedì 14 ottobre alle ore 17.30 a Piazza Santi Apostoli e invitano le proprie strutture ad attivarsi con iniziative a livello territoriale. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..