SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: Piasere (Saipem) a “Nova”, sostenibilità e innovazione insieme per transizione energetica
 
 
Roma, 11 ott 14:15 - (Agenzia Nova) - Il settore industriale, in particolare quello energetico, si trova oggi alle prese con "uno dei più grandi processi di cambiamento storico, industriale e sociale degli ultimi decenni, caratterizzato da un lato da una crescente domanda di produzione di beni e di energia, dall’altro dalla necessità di rispondere riducendo l’impatto che generiamo sul mondo". A porre l’accento sulle sfide primarie della transizione energetica in atto a livello globale è Mauro Piasere, direttore Digital & Innovation di Saipem, in un’intervista ad “Agenzia Nova” a margine dei lavori della IX Conferenza Italia-America Latina Caraibi ieri alla Farnesina. “Vincere questa sfida è una priorità: ne va della sopravvivenza del nostro pianeta", afferma Piasere rispondendo ad una domanda sul contributo di Saipem alla transizione energetica e su come affronta la grande sfida di coniugare insieme la richiesta sempre maggiore di energia e la sostenibilità. "In Saipem crediamo di poter giocare un ruolo chiave per indirizzare questo paradosso: per noi la transizione energetica è un obbligo di responsabilità sociale per rendere più sostenibile il nostro pianeta. Tale sfida ha bisogno di soluzioni innovative. Lo scopo di Saipem è progettarle e fornirle. Innovazione e sostenibilità devono andare a braccetto”. Per quanto riguarda l'innovazione, prosegue Piasere, “in Saipem la perseguiamo seguendo criteri evolutivi, dirompenti e sostenendola con una forte spinta di trasformazione digitale. Innoviamo noi stessi, ciò che progettiamo e il modo in cui realizziamo i progetti avendo ben chiare le priorità del business. Questo ci ha portato, per esempio, a registrare un brevetto nella liquefazione del gas liquido naturale come Liqueflex una tecnologia che semplifica il processo rendendolo più efficiente e meno costoso oppure Hexafloat una fondazione galleggiante per pale eoliche in acque profonde. Per citarne solo alcune". Innovare da solo però non basta. Bisogna portare innovazione quando si definiscono le strategie di sviluppo, quando si può influenzare positivamente il processo decisionale relativo ad importanti investimenti su infrastrutture e impianti. In tal senso Saipem ha creato Xsight, la Divisione dedicata alla fase di progettazione iniziale dei futuri impianti (l’early engagement)”. “La missione di Xsight - prosegue il direttore per il digitale e l'innovazione di Saipem - è quella di influenzare le scelte progettuali prima che si avvii il processo realizzativo dell’impianto. È in questo momento strategico che più si può impattare, con le corrette decisioni, su tutto il ciclo di vita degli impianti che consegniamo ai nostri clienti, sommando 60 anni di esperienza, innovazione e la volontà di operare scelte che accolgano criteri di sostenibilità”. Riguardo il ruolo strategico dell’America Latina per il business di Saipem, Piasere osserva che il continente "per noi è sempre stato un’area strategica, in cui operiamo da molto tempo in diversi paesi: Messico, Cile, Brasile, solo per citarne alcuni. Qui abbiamo realizzato e continuiamo a realizzare progetti tradizionali upstream e downstream, ma stiamo anche proponendo soluzioni nel campo delle green tecnologies, come progetti per la carbon capture e lo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile. Molti degli Stati dell’America Latina, infatti, affacciano sul mare che può rappresentare una fonte energetica interessante per lo sfruttamento dell’energia prodotta dalle onde e per la realizzazione di parchi eolici offshore. Il nostro approccio ci rende promotori di tecnologie green in questi paesi sia con le aziende private che con le istituzioni pubbliche che operano nel settore energetico”. (Pav)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..