GOVERNO
Mostra l'articolo per intero...
 
Governo: Mogherini al "7 Corriere della Sera", c'è stato un deterioramento del dibattito politico che non mi piace
 
 
Roma, 11 ott 10:10 - (Agenzia Nova) - Federica Mogherini il prossimo 31 ottobre termina l'incarico di Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza e vicepresidente della Commissione. In cinque anni ha girato in lungo e in largo il mondo e gestito per conto dell'Ue le crisi internazionali in cui l'Europa è stata chiamata a dare un contributo: Siria, Libia, Iran, Venezuela, migrazione. Ha portato avanti la politica estera dell'Unione in un contesto complicato, gli Stati membri continuano a muoversi in proprio e non hanno alcuna intenzione di fare passi indietro. Attualmente Mogherini è la politica italiana più importante a livello internazionale. Quando fu nominata aveva solo 41 anni. "Cinque anni fa l'Italia e Matteo Renzi" - ricorda in una intervista a 7 del Corriere della Sera - "fecero una scelta coraggiosa (e contestata): investire sulla politica estera e di difesa dell'Ue per rilanciare un'idea di Europa che avrebbe fatto fare un passo in avanti all'Unione. Poi le priorità politiche in Italia sono diventate altre". Cosa farà dal primo novembre? "Ci penserò al termine del mandato, ho ancora molto lavoro da concludere. Comunque, resterò a Bruxelles. Da gennaio terrò un corso di diplomazia europea e geopolitica al Collegio d'Europa di Bruges. Poi vedrò. Faccio politica da quando avevo 16 anni, mi sono sempre occupata di Esteri e Difesa. La mia passione resta il mondo". Perché non torna in Italia? "C'è stato un deterioramento del dibattito politico e della più basilare capacità di vivere insieme che non mi piace: il confronto tra idee diverse non è quasi mai basato sull'ascolto e sul rispetto, si cerca perennemente il conflitto. A me sembra che di conflitti intorno a noi ce ne siano già troppi". (segue) (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..