NATO
Mostra l'articolo per intero...
 
Nato: Stoltenberg al "Corriere della Sera" sulla Turchia, vanno evitate le vittime civili (3)
 
 
Roma, 11 ott 10:01 - (Agenzia Nova) - "Nel 2014 tutti gli alleati erano preoccupati perché Daesh controllava un territorio grande come il Regno Unito. Poi abbiamo formato una coalizione che comprende Stati Uniti e Turchia. Forze sul terreno hanno portato progressi enormi. La lotta a Daesh non è finita, anche se ha ottenuto il buon risultato di privarlo del dominio su terre". Ma adesso? Il senatore americano Mitt Romney, repubblicano, ha scritto che i curdi sono stati 'abbandonati vergognosamente'. È solo una delle tante condanne dell'offensiva turca. La Nato manterrà rapporti con Jens Stoltenberg segretario generale della Nato le 'Forze democratiche siriane' e i curdi? "In Siria la Nato non è sul terreno. Lo sono alleati della Nato, non noi. E pubblico, si legge sui giornali, che esistono differenze tra varie nazioni su come trattare la situazione nel Nord della Siria. Per me sottolinea l'importanza del contenersi e appoggiare un progetto politico". Che altro dirà a Erdogan? "Innanzitutto è importante incontrarci: rientra in una visita programmata, non nata dai fatti recenti. Discuteremo un ampio ventaglio di temi, e certo mi aspetto che parleremo anche di Siria settentrionale, affrontato in incontri precedenti. Come ho sottolineato con Conte, è rilevante che la Turchia assicuri azioni proporzionate e misurate". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..