NATO
Mostra l'articolo per intero...
 
Nato: Stoltenberg al "Corriere della Sera" sulla Turchia, vanno evitate le vittime civili (2)
 
 
Roma, 11 ott 10:01 - (Agenzia Nova) - "Le tensioni aumentate in Siria non facciano tornare liberi i foreign fighter, combattenti stranieri, adesso prigionieri", ha aggiunto il segretario. Cornice della conversazione, un posto tipico del suo peculiare mestiere globalizzato di viaggiatore costantemente seguito da notizie su crisi e scontri. Una suite di albergo, il Baglioni Hotel Regina in via Veneto a Roma, con valigie pronte per raggiungere Atene e poi la Turchia. "Come riduciamo le spese per la difesa quando le tensioni calano, dobbiamo aumentarle mentre salgono. Ed è ciò che accade attualmente. Faccio affidamento anche sull'Italia", ha inoltre osservato in merito agli incrementi delineati nell'Alleanza atlantica per i fondi nazionali da assegnare a militari e armamenti. Mercoledì era stato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Quando fu nominato segretario generale della Nato, nel 2014, avrebbe immaginato un'offensiva di uno Stato dell'alleanza contro milizie aiutate tino a poco prima dagli Usa? Per di più con una sorta di assenso del presidente americano? Questo accade mentre artiglieria e aerei turchi colpiscono le milizie delle «Forze democratiche siriane», compresi curdi utili nella lotta agli integralisti islamici di Daesh (Isis). (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..