USA-IRAQ
 
Usa-Iraq: Washington condanna violenze ed esorta governo a "ridurre" tensioni
 
 
Washington, 09 ott 09:44 - (Agenzia Nova) - Gli Stati Uniti hanno condannato le violenze avvenute in questi giorni in Iraq nel quadro delle manifestazioni antigovernative che hanno interessato la capitale Baghdad e diverse città del sud del paese con un bilancio di oltre 100 morti. Secondo quanto riferisce una nota del dipartimento di Stato Usa, in una conversazione telefonica con il primo ministro iracheno, Adel Abdul Mahdi, il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha condannato le recenti violenze in Iraq e ha affermato che “coloro che hanno commesso violazioni dei diritti umani dovranno essere ritenuti responsabili”. Il responsabile della diplomazia Usa ha espresso inoltre rammarico “per la tragica perdita di vite umane” e ha sollecitato il governo di Baghdad “a mostrare il massimo controllo” della situazione. "Le manifestazioni pacifiche sono un elemento essenziale di tutte le democrazie". Le proteste sono iniziate il primo ottobre per denunciare la diffusa corruzione, l’alto tasso di disoccupazione e il decadimento dei servizi pubblici in un paese cronicamente privo di elettricità e acqua potabile. Secondo dati ufficiali, oltre 100 persone sono state uccise, in gran parte manifestanti, mentre i feriti sono stati oltre 6.000. La situazione ha spinto il premier Abdul Mahdi a valutare un rimpasto di governo. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
TUTTE LE NOTIZIE SU..