SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Colombia, aziende di Spagna, Messico e Cina in gara per la metropolitana di Bogotà
 
 
Bogotà, 07 ott 17:15 - (Agenzia Nova) - Saranno "Metro Bogotà", consorzio composto da ditte messicane e spagnole, e "Transimetro", sigla che riunisce imprese cinesi, a contendersi la realizzazione della metropolitana di Bogotà. Lo ha confermato il sindaco della capitale colombiana, Enrique Penalosa, chiudendo - giovedì - i termini per la presentazione delle domande. Altri tre consorzi presentati ai nastri di partenza hanno ritirato la loro candidatura all'ultimo minuto con un comunicato nel quale non vengono però rese note le ragioni, scrive la testata "W Radio". Il vincitore della gara, il cui nome verrà formalizzato il 21 ottobre, dovrà realizzare l'opera e assicurare il servizio per i primi venti anni di esercizio. "Due enormi gruppi hanno presentato le proposte. I lavori inizieranno ad aprile 2020", ha scritto Penalosa in un messaggio pubblicato sul proprio profilo twitter, segnalando che la metro entrerà in funzione nel 2025. Il consorzio "Metro de Bogotà" - che ha ottenuto 94,5 punti su 100 - è composto dalla spagnola Fcc Concesiones de Infraestructura e dalle messicane Carso Infraestructura y Construccion e Promotora de desarrollo de America latina. Il capitale del consorzio Transimetro - che ha strappato tutti e 100 i punti del bando di gara - è invece composto dalle cinesi China Harbour Engineering Company Limited e Xi'An Metro Company Limited. L'assegnazione definitiva, che sulla base di una ulteriore valutazione potrebbe correggere l'esito parizale della gara, verrà comunque comunicata trascorsi 18 giorni fissati dal bando. Secondo il primo cittadino di Bogotà la particolarità della gara è data da due fattori, risultati importanti per le ditte che si sono presentate: il fatto di ricevere pagamenti in moneta locale e la necessità di dover sostenere anche i costi di esercizio per i primi venti anni. "Parte del metro si paga in pesos, e qualcuno può avere timori legati al comportamento dell'economia colombiana. D'altra parte, le imprese non devono solo consegnare le opere e andarsene, ma mantenerlo in esercizio per i primi 20 anni. In questo modo, sanno che qualsiasi tipo di problema possono avere è di loro responsabilità", ha detto Penalosa citato dal quotidiano "El Tiempo". Una clausola "non usuale, che lega il vincitore a un "impegno lungo 27 anni", ha rimarcato il sindaco. (Mec)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..