UCRAINA
 
Ucraina: presidente Zelensky, firma "formula Steinmeier" non è tradimento
 
 
Kiev, 04 ott 10:16 - (Agenzia Nova) - Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicato un video in cui spiega la posizione delle autorità di Kiev relativamente alla firma della cosiddetta “formula Steinmeier” per la risoluzione del conflitto del Donbass. “Magari ora potrò far arrabbiare qualcuno, ma non si può parlare di tradimento. Vi spiegherò perché, e vi chiedo di darmi ascolto”, ha esordito Zelensky, consapevole di dover rispondere alle critiche emerse nel paese per la scelta di acconsentire alla “formula Steinmeier” e alle proteste di piazza tenutesi in alcune città ucraine. Solo il Formato Normandia, nella visione del presidente ucraino, può rappresentare la piattaforma per portare alla conclusione del conflitto e al ritorno di tutti i territori sotto la sovranità di Kiev. Zelensky ha al contempo sottolineato come una riunione diplomatica di questo tipo non avrebbe potuto tenersi nel prossimo futuro, visto l’ostacolo rappresentato “dalla principale storia dell’orrore delle ultime settimane, vale a dire la formula Steinmeier”.

“Prima di tutto, nella formula non è previsto il riconoscimento da parte dell’Ucraina dell’annessione della Crimea alla Federazione Russa, tantomeno la rinuncia al Donbass”, ha rilevato Zelensky, aggiungendo che anche le elezioni nelle repubbliche separatiste “non si terranno sotto il mirino delle mitragliatrici”. “Questa formula vuol dire una sola cosa, e ciò determinare quando entrerà in vigore la legge sullo status speciale del Donbass. Di fatto, tutto ciò potrà avvenire solo dopo le elezioni locali, che si terranno in accordo con la Costituzione ucraina e le leggi nazionali, e dopo la pubblicazione di un rapporto dell’Osce che attesta lo svolgimento corretto delle operazioni di voto, nel rispetto degli standard democratici internazionali”, ha messo in luce Zelensky, ricordando che tutto questo “è semplicemente quanto concordato dall’Ucraina negli accordi di Minsk”. Kiev non ha in ogni caso siglato alcun accordo con le autoproclamate repubbliche di Luhansk e Donetsk. “Abbiamo inviato una lettera all’ambasciatore Osce Martin Sajdik, che conferma che tipo di accordo sia stato raggiunto sulla formula Steinmeier”, ha detto il presidente ucraino.

In merito alle proteste di piazza tenutesi in questi giorni, Zelensky ha detto di rispettare il diritto di manifestare che spetta a ogni cittadino, come stabilito dalla Costituzione. “Ho dato ascolto a quanto avete da dire, e credetemi: non permetterò che l’Ucraina si arrenda!”, ha aggiunto il presidente. Il Donbass, nella visione di Zelensky, rimane parte del territorio nazionale. “Ci sarà un incontro nel Formato Normandia, con i presidenti di Francia, Russia e il cancelliere tedesco, per discutere come mettere fine alla guerra nel Donbass. La mia posizione sul tema è chiara, e in linea con quella di tutti gli ucraini: sappiamo che il Donbass fa parte dell’Ucraina. Deve esserci la pace, con il completamento del cessate il fuoco e il ritiro completo delle formazioni militari straniere”, ha spiegato Zelensky. Ai confini fra Russia e Ucraina, inoltre, devono essere dispiegate le guardie di frontiera di Kiev. Inoltre, “deve essere organizzato uno scambio di prigionieri che permetta a tutti i nostri cittadini di fare ritorno a casa. Le elezioni non devono essere tenute sotto tiro dei mitragliatori, ma sotto la legge ucraina, permettendo la partecipazione a tutti i partiti politici del paese, ai media nazionali e agli osservatori esteri, permettendo di votare anche ai rifugiati interni”.

La "formula Steimeier" è stata firmata dai rappresentanti di Kiev durante una riunione del Gruppo di contatto trilaterale a Minsk sul conflitto nel Donbass. La “formula Steinmeier” prevede una simultanea attuazione delle componenti di sicurezza e politiche degli accordi di Minsk. La strategia, elaborata dall’allora ministro degli Esteri tedesco (oggi presidente) Frank-Walter Steinmeier nel 2016, comporta l’organizzazione di elezioni locali libere e democratiche nei territori occupati in cambio della concessione di un ordinamento speciale per il Donbass. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..