MIGRANTI
 
Migranti: Fratoianni (Leu), clamorose rivelazioni Avvenire su incontri in Italia tra nostri 007 e capo libico trafficanti
 
 
Roma, 04 ott 09:53 - (Agenzia Nova) - "La straordinaria inchiesta di Nello Scavo pubblicata oggi sul quotidiano Avvenire rivela uno scenario tanto clamoroso quanto grave. La collaborazione che emerge tra il nostro governo e uno dei peggiori esponenti di quella criminalità libica che in questi anni è alla testa di una organizzazione dedita tanto al traffico di esseri umani che alla loro cattura, responsabile di torture e violenze indicibili, è assolutamente scandalosa". Lo afferma, in una nota, Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu dopo che il quotidiano della Cei pubblica oggi un'inchiesta corredata da foto di un incontro tra 007 italiani e delegazione libica nel maggio 2017 al Cara di Mineo dove è presente Al Milad "Bija" accusato nei rapporti dell'Onu per essere uno dei trafficanti di uomini più importanti in quel Paese, sospettato di aver fatto affogare decine di persone in mare, capo del ramo di Zawiyah della cosiddetta Guardia costiera libica. "Ciò che abbiamo sempre denunciato rispetto alla cosiddetta "guardia costiera libica" si conferma ancora una volta. - prosegue il parlamentare di Leu - E si conferma la necessità di chiudere la pagina vergognosa degli accordi con la Libia, in particolare in tema di politiche migratorie e di sostegno alla cosiddetta 'guardia costiera libica'". "Per questo oltre a presentare nelle prossime ore ogni strumento di indagine parlamentare per chiedere al governo di fare luce sui fatti riportati nell'inchiesta di Avvenire, torniamo a porre la necessità, a questo punto non rinviabile - conclude Fratoianni - di istituire una Commissione di Inchiesta Parlamentare su tutte le vicende che circondano questa vergognosa pagina della nostra storia recente". (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..