BRASILE
Mostra l'articolo per intero...
 
Brasile: Viana (Pt) a "il Manifesto", il miglior avversario di Bolsonaro sono lui e la sua famiglia
 
 
Roma, 02 ott 09:24 - (Agenzia Nova) - Incontro Jorge Viana nella sua casa di Rio Branco, un villino con un ampio giardino con alberi d'alto fusto, il prato inglese e un salone accogliente, alle pareti molti quadri, fotografie in bianco e nero, e oggetti che ricordano la sua storia e il suo mondo, quello degli indios e dei seringueiros dell'Acre, i lavoratori della gomma, nella regione del Brasile più sperduta e dimenticata a confine con Perù e Bolivia di cui è stato governatore. Politico del Partito dei lavoratori (Pt) più volte parlamentare e presidente del Senato, è quello che più di altri ha trasformato gli ideali diflorestania iorestania in politiche nazionali, riconoscendo ai popoli della foresta diritti di cittadinanza e sfruttamento della terra secondo principi di agroecologia, dando forza al mondo della cooperazione e a un'economia comunitaria. Viana è un uomo piccolo di statura di sessant'anni, dai modi semplici e molto diretto, un ingegnere forestale che attualmente insegna all'Università di Brasilia e lavora a progetti di sviluppo sostenibile, ma che non ha nessuna intenzione di abbandonare l'attività politica, in quanto vuole candidarsi alle prossime elezioni nazionali che si terranno tra due anni. Tra l'altro è stato uno dei pochi politici del Pt che dopo l'inaspettata sconfitta elettorale, ha avuto una posizione molto critica nei confronti del suo partito che secondo lui non ha ammesso che alcuni suoi membri e alleati erano coinvolti in vicende di corruzione. Che sta succedendo in Brasile? C'è un presidente, Bolsonaro, che attacca governi esteri, Ong, il mondo dell'istruzione, quella che definisce "spazzatura marxista", popoli indigeni e l'Amazzonia, dove aumentano incendi e deforestazione. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..