BRASILE
Mostra l'articolo per intero...
 
Brasile: Amazzonia, a settembre deforestazione più rapida del 58 per cento rispetto al 2018 (2)
 
 
Brasilia, 01 ott 22:43 - (Agenzia Nova) - L'aumento del disboscamento è stato registrato nonostante l'azione delle forze armate inviate dal governo federale sul posto per contrastare l'attività di taglialegna abusivi e piromani che da mesi stanno contribuendo, appiccando incendi dolosi, all'accelerazione della velocità di distruzione della foresta. Il presidente Bolsonaro aveva firmato il decreto di Garanzia e ordine pubblico (Glo), che autorizza l'uso delle forze armate per combattere l'azione criminale di taglialegna e piromani negli stati di Acri, Mato Grosso e Amazonas, lo scorso 23 agosto. Dopo il primo mese di attività la misura è stata prorogata per ulteriori 30 giorni. La richiesta di intervento era stata formulata dai governatori appartenenti al Consorzio interstatale per lo sviluppo sostenibile dell'Amazzonia legale. Successivamente il ministero dell'Economia, su richiesta del ministero della Difesa, aveva approvato lo sblocco immediato di 38,5 milioni di real (circa 8,3 milioni di euro) per combattere gli incendi. In precedenza il presidente Jair Bolsonaro aveva reso nota l'entrata in funzione degli aerei militari per scaricare acqua sulla foresta in fiamme. Inoltre lo scorso 17 settembre, il ministro della Giustizia e della pubblica sicurezza brasiliano, Sergio Moro, aveva firmato un decreto nel quale disponeva l'invio di truppe della Forza nazionale federale da impiegare nella lotta contro gli incendi boschivi nello stato amazzonico di Acre. La disposizione era arrivata dopo che il governo dello stato aveva invocato l'aiuto del governo centrale per poter essere più efficiente nel contenimento dei roghi che da settimane stanno devastando la foresta pluviale. (segue) (Brb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..