SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Simposio Marine del Mediterraneo e del Mar Nero presentato oggi a Roma
 
 
Roma, 01 ott 16:00 - (Agenzia Nova) - Si è svolta questa mattina a Roma, nella biblioteca storica di Palazzo Marina, la presentazione della 12ma edizione del Simposio delle Marine del Mediterraneo e del Mar Nero, alla presenza del capo di Stato maggiore della Marina, l’ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone. L’evento è in programma a Venezia dal 15 al 18 ottobre, e si propone di costituire una piattaforma per “affrontare in un contesto globale gli aspetti legati alla sicurezza del Mar Mediterraneo ‘allargato’ e al dominio marittimo nel Secolo Blu”, come riportato all’interno del relativo comunicato stampa. Nello specifico, le discussioni verteranno su tematiche come il contrasto ai traffici illeciti, l’identificazione di soluzioni innovative per le moderne navi militari e il “contributo del cluster marittimo civile e militare alla stabilità e il benessere collettivo”. Secondo quanto riportato nel comunicato stampa relativo all’evento, il Simposio era inizialmente teso a riunire in un unico consenso i capi delle Marine dei paesi che affacciano sul Mar Mediterraneo e sul Mar Nero, ma nel corso degli anni “ha visto ampliare notevolmente l’orizzonte geografico e le ambizioni dei partecipanti, interessando anche personalità del mondo politico, industriale, culturale, accademico e dell’informazione”. “Il Simposio si è confermato quale eccellente opportunità di confronto, scambio di idee e ricerca di soluzioni in ambito marittimo e navale, rafforzandosi come strumento ideale per approfondire la reciproca conoscenza tra tutti gli attori che condividono con sfide ed interessi il dominio marittimo”, si legge nel documento. Con più di 50 Marine militari già accreditate per tre sessioni di lavori, il Simposio è diventato una piattaforma di carattere globale, la cui rilevanza è stata confermata anche dall’ammiraglio Cavo Dragone nel suo intervento di apertura. “Il concetto di marittimità sta acquisendo importanza crescente non solo dal punto di vista geografico, ma anche nel campo dei trasporti, del commercio, della sicurezza e della difesa”, ha esordito il capo di Stato maggiore della Marina, aggiungendo che “i principi di dialogo, cooperazione e trasversalità saranno il comune denominatore delle attività che caratterizzeranno il Simposio”. “Bisogna far sì che a valle dell’evento si concretizzi una fiducia reciproca tra coloro che vi hanno preso parte, in modo da garantire una cooperazione internazionale efficace a fronte delle sfide e delle opportunità del nostro tempo”, ha aggiunto l’ammiraglio, sottolineando l’importanza di un’interpretazione comune delle norme internazionali in quanto “fondamentale per promuovere un dialogo costante tra le sicurezze marittime dei singoli paesi”. L’importanza crescente delle tematiche marittime è stata ribadita anche dal capo dell’ufficio per la Pianificazione e la Politica marittima presso lo Stato maggiore della Marina, l’ammiraglio di divisione Pier Federico Bisconti, che insieme al capo della Sezione grandi eventi, Francesco Civino, e al capitano di fregata Davide Da Pozzo ha preso parte alla presentazione odierna per descrivere i caratteri principali del Simposio di quest’anno. “La forza del Simposio, che vuole essere una piattaforma per la discussione di tutte le tematiche inerenti al cluster marittimo, è la sua inclusività: si tratta di un evento in grado di riunire paesi i cui interessi spesso divergono”, ha detto Bisconti, ricordando che all’edizione di quest’anno prenderanno parte anche alcuni rappresentanti delle Marine militari di Russia, Stati Uniti e Cina. “Il concetto di marittimità dovrebbe avere un ruolo fondamentale nell’elaborazione delle politiche economiche e sociali dei singoli paesi”, ha proseguito l’ammiraglio, sottolineando che “questo vale soprattutto per nazioni come l’Italia, in cui il cluster marittimo costituisce una parte integrante dell’economia con oltre 350 mila lavoratori”. In aggiunta, Bisconti ha ribadito la necessità di sensibilizzare l’opinione pubblica su queste tematiche, ricordando che “dal mare derivano il nostro benessere e la nostra sicurezza”. (Ems)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..