ECONOMIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Economia: Boccia (Confindustria) a "La Stampa", più Europa, altrimenti la partita è persa (2)
 
 
Roma, 01 ott 09:51 - (Agenzia Nova) - Più integrazione politica in un'epoca dove il pensiero sovranista, anche se in arretramento, ha fatto emergere di una forte difesa degli interessi nazionali? "Sì, più Europa. E la nostra posizione è condivisa anche dalla Confindustria francese e da quella tedesca. Il 4 e 5 dicembre faremo un trilaterale a Roma. Un incontro che arriva solo due giorni dopo l'insediamento della Commissione europea. E il messaggio chiave che sarà rivolto ai rispettivi governi è semplice: la sfida è tra Europa e mondo esterno e non tra Paesi d'Europa: il mondo dell'economia, in chiave europea in questo senso è più avanti della politica". Intanto il governo sta definendo i contenuti della manovra economica. Che cosa chiedono gli industriali? "Dobbiamo ringraziare Conte, perché ci ha risparmiato un comunicato che sarebbe stato un invito al governo a non aumentare l'Iva. In ogni caso quella del ministro Gualtieri è un'operazione di realismo perché è corretto il concetto che ispira il ministro: non ci sono grandi risorse a disposizione e il ministro deve fare i conti con i saldi. E' necessario disegnare dei provvedimenti partendo da quali saranno i loro effetti sull'economia reale. Dunque si deve puntare sull'incremento dell'occupazione e dei salari per i lavoratori italiani". E il deficit? "Si deve partire dalle risorse già stanziate per le infrastrutture andando oltre lo sbloccacantieri introducendo un elemento di deroga tipo il modello adottato per la ricostruzione del Ponte di Genova o di Expo. Individuando una serie di enne opere importanti. Così si attivano immediatamente i cantieri incrementando l'occupazione. Sarà un'operazione anti-ciclica senza far ricorso al deficit e con un impatto non marginale", ha concluso Boccia. (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..