REDDITO CITTADINANZA
Mostra l'articolo per intero...
 
Reddito cittadinanza: Tridico (Inps) a "La Verità", assegno a Saraceni è ripugnante
 
 
Roma, 01 ott 09:53 - (Agenzia Nova) - "Metterei una norma assoluta per cui chi ha commesso atti di questo tipo non dovrebbe avere diritto a nessun tipo di sostegno. Questo dovrebbe prevedere la legge. Io sono d'accordo con lei che questo è un caso effettivamente ripugnante: una persona che ha attaccato lo Stato, ottiene dallo Stato. Non è un caso di reato comune, io capisco il punto, ma paradossalmente oggi se l'istituto non desse il reddito a chi ha i requisiti per riceverlo potrebbe essere chiamato a rispondere in una controversia per danni. Per un caso molto simile a quello della Saraceni abbiamo ricevuto una sentenza contraria''. Lo dice in un'intervista a "La Verità" il presidente dell'Inps Pasquale Tridico parlando dell'ex terrorista Federica Saraceni, condannata per l'omicidio di Massimo D'Antona, che riceve il reddito di cittadinanza. "No, non ritengo che sia una cosa normale Non ho mai detto che sono d'accordo con questo specifico sussidio, ma non sta a me decidere, è la legge a farlo. Il presidente dell'Inps non può decidere caso per caso, ci mancherebbe, altrimenti darebbe il reddito a chi vuole lui - spiega -. Certo mi pongo anche io degli interrogativi". Il caso Saraceni colpisce l'opinione pubblica perché la signora ha combattuto contro quello Stato che ora le eroga il sussidio". Quindi non si opporrebbe a una modifica della legge su questo punto? "Una riflessione va fatta e penso sia già in corso - precisa -. Il reddito alla signora Saraceni può dar fastidio anche a me e capisco che possa essere ripugnante una persona che ha commesso quel tipo di reati, ma secondo me lei dovrebbe scrivere anche degli altri eventuali strumenti di sostegno al reddito che questa signora può ricevere. Perché non va a vedere se abbia incassato il bonus bebè oppure se riceva il sostegno alla mensa per i figli, oppure se abbia avuto l'assegno di maternità o il sostegno all'asilo nido". (segue) (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..