SPECIALE DIFESA

 
 

Speciale difesa: Ue, Consiglio, più sostegno a immigrazione, frontiere e sicurezza

Bruxelles, 10 giu 2019 15:15 - (Agenzia Nova) - Maggiore sostegno dell'Unione europea ai settori dell'immigrazione, della gestione delle frontiere e della sicurezza. Questo l'obiettivo del Consiglio dell'Ue che ha raggiunto orientamenti generali parziali su tre proposte settoriali in materia di affari interni nel contesto del quadro finanziario pluriennale (Qfp) per il periodo 2021-2027. Lo si apprende dal Consiglio dell'Ue. Le proposte riguardano il Fondo asilo e migrazione, che fornirà sostegno agli Stati membri nella gestione dell'asilo e della migrazione; lo Strumento di sostegno finanziario per la gestione delle frontiere e i visti, che garantirà una gestione integrata delle frontiere solida ed efficace alle frontiere esterne dell'Ue; il Fondo sicurezza interna, che sostiene la prevenzione e il coordinamento tra le forze di polizia, le autorità giudiziarie e le altre autorità competenti a protezione dei cittadini. Nel complesso le tre posizioni negoziali del Consiglio ampliano la portata del sostegno inizialmente proposto dalla Commissione per i settori d'intervento interessati. Secondo quanto proposto le grandi priorità, ovvero i progetti nei paesi terzi per far fronte all'elevata pressione migratoria, la lotta alla criminalità informatica e l'interoperabilità dei sistemi informatici, dovrebbero beneficiare di un tasso di cofinanziamento maggiore. I testi concordati permettono sinergie con altri fondi dell'Ue nel settore dell'integrazione, nonché riguardo all'utilizzo di attrezzature multifunzionali, compresi i sistemi Tic. È stato definito più chiaramente il ruolo delle agenzie dell'Ue, come Europol e Frontex, durante la fase di programmazione. Gli orientamenti generali parziali concordati dal Consiglio costituiranno la base per i futuri negoziati con il Parlamento europeo. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE