IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: portavoce governo curdo, Baghdad ha rinunciato a proventi petroliferi per 5 miliardi di dollari (3)
Baghdad, 13 set 15:16 - (Agenzia Nova) - Proprio oggi il governo federale ha fatto sapere di aver completato i suoi preparativi per riprendere l'esportazione di petrolio verso il porto turco di Ceyhan. Lo ha annunciato il portavoce del ministero del Petrolio, Assem Jihad. "Il governo federale, attraverso il ministero del Petrolio, ha riabilitato tutti gli oleodotti nei governatorati di Ninive e Kirkuk in preparazione dell'esportazione di petrolio greggio attraverso Kirkuk e i giacimenti settentrionali fino al porto turco di Ceyhan", ha detto Assem Jihad. Il funzionario ha spiegato in una nota che "il governo federale e il ministero del Petrolio sono desiderosi di riprendere le esportazioni dai giacimenti verso Ceyhan”, osservando che i 300 mila barili al giorno esportati attraverso l’oleodotto porteranno nuove entrate finanziarie al governo di Baghdad. Jihad ha dichiarato che "l'Iraq ha anche deciso di posare un nuovo oleodotto dalla città di Baiji, nella provincia di Salah al Din a Vishkhabor per trasportare il petrolio dai campi di Kirkuk al porto turco di Ceyhan". Il funzionario ha osservato che il 24 gennaio 2018 sarà il termine ultimo per le aziende interessate a presentare le offerte. (Irb)
ARTICOLI CORRELATI