IRAQ
 
Iraq: ucciso miliziano curdo Peshmerga in sparatoria a Erbil
Baghdad , 13 giu 09:33 - (Agenzia Nova) - Un combattente delle milizie curde Peshmerga è stato assassinato a Erbil, capoluogo della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva curda “Kurdistan 24”, ieri, 12 giugno, da un’autovettura due individui non identificati hanno aperto il fuoco contro Osman Abdulkarim, miliziano dei Peshmerga, all’uscita da una moschea nel quartiere di Kasnazan alla periferia orientale di Erbil. L’uomo è deceduto sul colpo. Secondo i familiari della vittima, Abdulkarim “non aveva problemi con nessuno, non aveva fatto del male a nessuno”. Continuano dunque le violenze in Iraq, dove alle cellule dello Stato islamico ancora attive si affiancano gruppi di criminali comuni. Nello scorso mese di maggio, 95 civili sono rimasti uccisi e 163 feriti in attacchi terroristici, violenze e conflitti armati in Iraq. È quanto emerge dai dati diffusi dalla missione di assistenza delle Nazioni Unite in Iraq (Unami), che non comprendono le forze di sicurezza in servizio attivo. In una nota, l’Unami spiega che tale cifra tiene conto anche di dati non direttamente verificabili, in particolare per quanto riguarda la provincia a maggioranza sunnita dell’Anbar, in Iraq occidentale. Il dato su morti e feriti (escluse le forze di polizia e sicurezza) direttamente registrato dall’Umani nel mese di maggio ammonta a 86 civili uccisi e 148 feriti. La cifra è superiore ai 64 morti e 121 feriti conteggiati nel mese di aprile. Baghdad è stato il governatorato più colpito, con 117 vittime civili (45 morti, 72 feriti), seguito da Diyala con 9 morti e 35 feriti, e Kirkuk con 20 morti e 16 feriti. Secondo le informazioni ottenute dall'Unami dal dipartimento per la Salute della provincia di Al Anbar, nel governatorato a maggioranza sunnita sono state registrate 21 vittime tra i civili (6 morti e 15 feriti). (Irb)
ARTICOLI CORRELATI