ITALIA-UNGHERIA
 
Italia-Ungheria: Budapest con Liberty Bridge alla Biennale di Venezia
Roma, 22 mag 15:00 - (Agenzia Nova) - La Biennale di Venezia - 16. Mostra Internazionale di Architettura, dal titolo Freesapce, a cura di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, sarà affiancata, come di consueto, da numerose partecipazioni nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia. Secondo quanto riferisce un comunicato, l’Ungheria quest’anno torna con un’installazione panoramica/elevata (11 m di altezza, 36 mq), ispirata al famoso Liberty Bridge (Ponte della Libertà/Szabadság híd) di Budapest, realizzata dallo Studio Nomad (Bence Pásztor, Soma Pongor e Dávid Tarcali) e collocata al centro del Padiglione Ungheria. Curatori: Kultúrgorilla (Júlia Oravecz, Éva Tornyánszki e Anna Gottler). L’idea di questo progetto architettonico piuttosto intrigante si ispira ad un fatto concreto avvenuto nell’estate del 2016, quando il noto ponte ungherese - costruito tra il 1894 e il 1896 su progetto di János Feketeházy ed inaugurato alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe - venne chiuso al traffico per via dei lavori di infrastruttura della capitale, e successivamente occupato dalla Y generazione della capitale ungherese.

Difatti il “ponte occupato”, senza alcuna ideologia, ben presto divenne il palcoscenico dei creativi budapestini, ospitando concerti, spettacoli teatrali, lezioni di joga e sollevò alcuni quesiti urbanistici. Il progetto espositivo, vincitore di un concorso nazionale, realizzato dal Museo Ludwig di Budapest, dal team di curatori Kultúrgorilla e dagli architetti dello Studio Nomad, si interroga su come un ponte storicamente importante, quale il Ponte della Libertà di Budapest possa essere divenuto uno spazio pubblico. (Com)
ARTICOLI CORRELATI