SPECIALE ENERGIA

 
 

Speciale energia: Colombia, Ecopetrol al lavoro per contenere danni da fuoriuscita petrolio nel nord

Bogotà, 03 apr 2018 14:00 - (Agenzia Nova) - La compagnia energetica colombiana Ecopetrol prosegue gli sforzi per cercare di mettere in sicurezza la falla che ha causato una cospicua perdita di petrolio nel nord del paese. La sigla, nei cui confronti è stata nei giorni scorsi aperta una procedura amministrativa, rende noto di aver costruito tre nuovi sbarramenti per arginare la fuoriuscita. L'intervento è parte di un piano che ha compreso anche lo sviluppo di quattro piscine nella zona, utli a raccogliere i liquidi sversati in "modo sicuro e nel rispetto della normativa ambientale". Ecopetrol, che ha avvertito la popolazione locale di tenersi lontana dalla zona contaminata, ha inoltre riferito di aver dato nuovo alloggio e generi di conforto a 79 persone di 19 case, oltre al riscatto di 1.357 animali presenti nei paraggi.

Nella giornata di giovedì, le autorità ambientali colombiane (Anla) avevano disposto l'avvio di una procedura amministrativa nei confronti della Ecopetrol, accusata di diverse irregolarità nel caso. Secondo l'Anla Ecopetrol è responsabile di non aver fatto tutto il dovuto una volta registrata l'emergenza, il 2 marzo. La compagnia, secondo l'accusa, non avrebbe riferito in modo opportuno le "circostanze che hanno aggravato le condizioni iniziali dell'emergenza e che dimostravano la reale magnitudine dell'evento". Di più, Ecopetrol avrebbe anche assicurato - il 3 marzo - di aver controllato la fuoriuscita, "ostacolando l'attività di monitoraggio" dell'Amla.

Martedì 27 marzo l'azienda era intervenuta per difendere il proprio operato dinanzi alle richieste di responsabilità già avanzate dal ministero dell'Ambiente. Ecopetrol, sosteneva il presidente di Felipe Bayron, è al lavoro per arginare la cospicua fuoriuscita del greggio e garantisce agli organismi di controllo pieno accesso alle informazioni riguardanti l'incidente. "Siamo tranquilli perché abbiamo sempre presentato tutti i rapporti. Non abbiamo mai occultato nessuna informazione", ha detto Bayon. Al tempo stesso Bayon ha segnalato che la perdita è ora riportata sotto controllo: "Il greggio è stato versato tra il 12 e il 15 marzo. Da allora non abbiamo altre informazioni circa ulteriori perdite", ha aggiunto. (Mec)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE