COREA DEL NORD

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Corea del Nord: note ufficiali di Pyongyang in orario notturno sono strategicamente rivolte agli Usa (3)

Seul, 07 feb 2018 05:24 - (Agenzia Nova) - Secondo Choi Kang, vicepresidente della ricerca presso il think tank Asan Institute for Policy Studies, con sede a Seul, la scelta dei tempi da parte di Pyongyang è dettata anche dall’obiettivo di disorientare il governo sudcoreano, e ridurre le possibilità per Seul di discutere in maniera tempestiva e approfondita gli ultimi sviluppi della politica nordcoreana con l’alleato statunitense. “Con l’inizio imminente delle Olimpiadi di PyeongChang, Seul sarà chiamata ad assumere decisioni in merito alla partecipazione del Nord ai giochi con la massima rapidità possibile, e Pyongyang sta ricorrendo agli annunci in tarda nottata per sfruttare il più possibile questa situazione”, afferma Choi. La decisione di autorizzare la trasferta nel Sud dell’orchestra Samjiyon via nave, ad esempio, è giunta da Pyongyang in tarda nottata, e Seul si è vista sostanzialmente costretta e prenderne atto. “Data la mancanza di tempo per informare gli Usa in merito ai dettagli, l’interlocuzione tra Seul e Washington si è ridotta a una serie di notifiche, più che a una vera e propria discussione”, spiega Choi.

Tale confusione non fa che aggravare i problemi di coordinamento tra Stati Uniti e Corea del Sud, mossi da priorità discordanti. L’enfasi posta dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulle violazioni dei diritti umani da parte del regime nordcoreano, nel corso degli ultimi giorni, segnala una ulteriore escalation della campagna di “massimizzazione delle pressioni” intrapresa dagli Stati Uniti contro la Corea del Nord. E’ l’avvertimento giunto questa settimana dalla stampa sudcoreana, all’indomani dell’incontro tra il presidente Usa e un gruppo di sei transfughi nordcoreani tenutosi venerdì scorso alla Casa Bianca. “Si tratta di un messaggio forte alla Corea del Nord che non ci sarà alcun dialogo fine a se stesso”, ha dichiarato al quotidiano “Korea Herald” Kim Hyun-wook, professore presso la Korea National Diplomatic Academy. “Si tratta anche di un avvertimento a Pyongyang che gli Stati Uniti continueranno a premere per una linea dura, a meno che (Pyongyang) cessi le provocazioni nucleari e balistiche”. (segue) (Git)

"La costante attenzione a temi e zone meno notiziabili del mondo, costituiscono un valore aggiunto per Nova"

Emanuela Del Re
Rappresentante Speciale dell'Unione Europeaper il Sahel
20 luglio 2021


ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE