Partita la missione Cavour
Rotta verso Suez, la Cavour toccherà 18 paesi
 
Da bordo della nave Cavour, 13 nov - (Agenzia Nova) - E’ ufficialmente iniziata la missione del gruppo navale Cavour. Nel primo pomeriggio la portaerei ha lasciato il porto di Civitavecchia, al comando dell’ammiraglio di divisone Paolo Treu. Molteplici i ruoli che la Marina Militare Italiana assolverà nel suo lungo viaggio nel Golfo Persico e in Africa che toccherà 18 paesi: assistenza umanitaria nei confronti delle popolazioni, promozione delle eccellenze imprenditoriali italiane, sicurezza marittima attraverso operazioni di antipirateria, protezione del traffico mercantile nazionale, sostegno delle Marine locali e supporti alla politica estera nazionale. La campagna navale durerà circa 5 mesi e coinvolgerà 1200 uomini e donne.
 
La prima parte del viaggio sarà dedicata al Made in Italy: aziende e partners all’interno della Cavour allestiranno stand per far conoscere e promuovere l’Italia delle imprese e delle eccellenze. Arabia saudita, Abu Dhabi, Dubai, poi l’Africa, Kenya, Mozambico, Ghana, Nigeria. Forte anche la componente umanitaria, con la Fondazione Rava e Operation Smile. La Croce Rossa, attraverso l’ospedale di bordo assisterà e opererà bambini bisognosi di cure mediche.

“L’Italia che riparte” è il nome della missione navale: un viaggio, una realtà di eccellenza, ma anche uno spiraglio di ottimismo, come è stato messo in luce oggi nella conferenza stampa tenuta prima della partenza dall’ammiraglio Treu e dagli sponsor che sosterranno il 65 per cento dei costi sella missione. (Giuliano Ferrigno)
 

 

 

 

LE TAPPE PRECEDENTI

05.11.2013 - Sistema paese via nave

 

 
Tre celebrazioni nazionali a bordo della Cavour
 

Da bordo della nave Cavour, 13 nov - (Agenzia Nova) - Tre feste nazionali saranno organizzate in altrettanti paesi del Golfo, ospitando a bordo della Cavour “autorità civili locali con i quali firmeremo accordi”: lo ha detto l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, capo di Stato Maggiore della Marina Militare. “Tutto questo – ha aggiunto De Giorgi - con un chiaro riferimento all’Expo 2015, a cui sono particolarmente interessati i paesi africani". Il viaggio darà infatti l’opportunità di presentare il sistema Paese in movimento, con l’obiettivo di rafforzare la presenza dell’Italia nelle aree geografiche considerate strategiche per gli interessi nazionali. Nella conferenza stampa è stato anche sottolineato l’impegno del ministero degli Esteri italiano per la campagna della Marina Militare. “La nostra amministrazione darà il suo appoggio a questa grande iniziativa per tutti gli aspetti importanti per una buona riuscita; la nostre rete di ambasciate è pronta a fornire tutta l’assistenza necessaria”, ha detto il capo dell'Unità di coordinamento della Farnesina, Luigi MariaVignali, nel corso della conferenza stampa. Vignali ha poi rivolto un pensiero particolare alla comunità italiana viaggiante, ben 1.200 italiani (di cui 100 donne, ndr) “una comunità più numerosa di alcune che si trovano all’estero, a cui va il nostro augurio per una buona riuscita dell’operazione”. (g.f.)