IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: portavoce Unità mobilitazione popolare, leader Stato islamico si troverebbe tra Sinjar e Tal Afar (3)
Baghdad, 11 gen 19:32 - (Agenzia Nova) - “Al Baghdadi si nasconde perché sa che sarà ucciso se viene trovato”, ha aggiunto Dorrian nella conferenza stampa tenuta insieme al generale Halgurd Hikmat, del ministero curdo dei Peshmerga, e Yahia Rasoul, generale dell’esercito iracheno. “Abbiamo sganciato oltre 9 mila munizioni contro lo Stato islamico (nell’operazione di Mosul)”, ha detto ancora Dorrian. “Abbiamo distrutto 350 postazioni (dello Stato islamico), oltre 130 autobombe e oltre 130 dei loro tunnel. Tutto questo contribuisce ad aiutare le forze di sicurezza irachene nella sconfitta di Daesh (acronimo per Stato islamico dell’Iraq e del Levante”. Rasoul, da parte sua, ha detto che lo Stato islamico si trova ormai in difficoltà nella parte orientale di Mosul, dove le forze irachene hanno riconquistato diversi quartieri negli ultimi due giorni. “Le nostre eroiche forze antiterrorismo hanno raggiunto le sponde del fiume Tigri nella parte est di Mosul”, ha sottolineato Rasoul. “Lo Stato islamico è vicino alla sconfitta e sta esalando l’ultimo respiro. Stiamo per liberare il resto della parte orientale di Mosul”, ha concluso il generale. (Irb)
ARTICOLI CORRELATI