EUROPA ORIENTALE
Mostra l'articolo per intero...
 
Europa orientale: rapporto Banca mondiale, risultati economici nella regione in linea con previsioni
Roma, 11 gen 18:30 - (Agenzia Nova) - La frenata della dinamica recessiva in Russia, conseguente alla stabilizzazione dei pezzi del petrolio, ha comportato una crescita economica nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo della regione dell’Europa orientale pari all’1,2 per cento nel corso del 2016. Lo rivela il rapporto Global economic prospects pubblicato dalla Banca mondiale. I dati relativi all’anno appena concluso rispettano le stime fatte nel giugno scorso; se si esclude però la Federazione Russa dal computo totale, le previsioni di crescita risultano inferiori di circa mezzo punto percentuale rispetto al valore definitivo del 2016. La crescita del prodotto interno lordo (Pil) dell’Europa centro-orientale è dipesa da diversi fattori contrastanti: dalla parziale ripresa economica dell’Ucraina, dopo due anni di profonda recessione, al rallentamento dell’economia del Kazakhstan e la diminuzione della produzione dell’Azerbaigian. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI